Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info+390239810868 o 3466872531

martedì 1 giugno 2010

Il Piano Educativo Individualizzato non è un optional!

La denuncia proviene da alcune associazioni marchigiane, dopo una lettera inviata ai Dirigenti Scolastici da parte dei responsabili della Zona Territoriale di Jesi (Ancona), nella quale si chiedeva che venisse garantita la verifica del PEI, il Piano Educativo Individualizzato, «solamente agli alunni con particolari difficoltà», tenendo conto della crescita degli utenti e dell'organico in diminuzione. E tuttavia quella verifica non è "un optional", ma un diritto di tutti gli alunni con disabilità e delle loro famiglie e ciò che si dovrebbe fare, invece, sarebbe proprio di denunciare pubblicamente come la carenza di organico stia determinando seri rischi per l'erogazione di prestazioni obbligatorie. La verifica del PEI, dunque, va fatta per tutti come si deve, mettendo sempre al centro esclusivamente i bisogni e diritti degli alunni con disabilità

«Con sconcerto - ha scritto Fabio Ragaini, in rappresentanza delle associazioni marchigiane Gruppo Solidarietà, Il Mosaico e ANFFAS Jesi (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), rivolgendosi ai dirigenti della Zona Territoriale 5 di Jesi (Ancona) - abbiamo preso visione della lettera inviata il 22 aprile scorso ai Dirigenti Scolastici da parte del Responsabile UMEE (Unità Multidisciplinare Età Evolutiva) della Zona 5, nella quale si propone ai Dirigenti stessi, tenuto conto della crescita degli utenti e dell’organico in diminuzione, di "garantire la verifica del PEI [Piano Educativo Individualizzato, N.d.R.] solamente agli alunni con particolari difficoltà, per le quali si potrebbe rendere necessaria la programmazione di nuovi interventi o la ridefinizione degli obiettivi già prefissati". Ma quali sarebbero queste "particolari difficoltà"? E gli alunni "senza particolare difficoltà" sarebbero dunque meno bisognosi della verifica?».

In realtà, secondo Ragaini e le associazioni rappresentate nella sua lettera, si tratta chiaramente «di una proposta estremamente grave, della quale forse non si ha piena consapevolezza, in quanto si ritiene di derogare a una funzione non opzionale, ma obbligatoria. È giusto il caso di segnalare che la verifica del PEI non è un fatto privato tra Zona Territoriale 5 di Jesi e Scuole, ma coinvolge i Comuni e soprattutto riguarda gli alunni e le loro famiglie che hanno il diritto a ricevere tale "prestazione"; è quindi davvero paradossale che di fronte a difficoltà organizzative e carenza di personale si reagisca pensando - cercando l’accordo con un altro Ente - di sacrificare il diritto dell’utente».
Una deriva preoccupante, insomma, mentre si dovrebbe invece denunciare «con forza, pubblicamente, che la carenza di organico determina rischi per l'erogazione di prestazioni obbligatorie», oltre che attuare «modalità organizzative volte a rispondere compiutamente alle esigenze delle persone con disabilità, mettendo esse - non i problemi dei servizi e del personale - al centro».

C'è tuttavia un altro aspetto che secondo Ragaini emerge dalla lettera inviata ai Dirigenti Scolastici dal Responsabile UMEE della Zona Territoriale 5 di Jesi ed è l’utilità stessa dell'adempimento rappresentato dall'elaborazione del PEI.
«C’è l’aspetto formale e quello sostanziale», viene scritto. «Ovviamente non va disatteso il primo, che però dev'essere riempito di contenuti. E questo forse è il vero problema che andrebbe affrontato con rigore da parte di Zona 5, Comuni e Scuola. Molti addetti ai lavori, famiglie comprese, hanno commentato che "fare o non fare la verifica del PEI purtroppo non cambia molto". Ed è questo l’aspetto drammaticamente grave che deve far riflettere in particolare i servizi per la disabilita della Zona 5».
In sostanza, conclude la nota, «le verifiche vanno fatte come devono; l’organico va aumentato, le difficoltà organizzative devono essere risolte, ma occorre infine che all’aspetto formale si aggiunga quello sostanziale, mettendo realmente al centro i bisogni e diritti degli alunni. Ed è questo l'impegno che attendiamo venga corrisposto, senza ambiguità». (S.B.)
Fonte Superando.it

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.